Google+ TBMT: 08/29/12

mercoledì 29 agosto 2012

La criocamera di Vorkosigan - Lois McMaster Bujold *** (e un pezzetto)

"Mare profumo di mare..."
Uh che bella la tenda così posizionata. Siam proprio in cima alla scogliera.
"Con l'amore io voglio giocare..."
-Ma quale amore. Prendi: secchiello, palette, mulini, palla, biglie,  paletta grande, borraccia, ombrellone, maschera...-

"E' colpa del mare, del cielo e del mare..."
-Ah, dobbiamo passare alla edicola/negozietto/boutique del campeggio. Dobbiamo ricomprare il canotto per il pupo che abbiamo dimenticato a casa e la ciambella per la pupa. Rigorosamente rosa e fiorata!-
"Sento che sto lasciandomi andare..."
-Seee abbiamo appena iniziato, su-su, scattare che le creature vogliono fare il bagno.-

"Questo sole che cosa può fare..."
-Caldo, fa tanto, tanto caldo. Io e i ragazzini andiamo avanti, tu fai tutti i giri del caso e non dimenticarti di passare al market a prendere i fruttini, i succhi, il pane e la mortadella che un panino ci sta sempre bene.-


E così mi avventurai nel negozietto del camping ospitante la mia fantavolosa famigliola per l'estate 2012.
"Fra le stagioni più bella è l'estateeee..."
Sì Tony (Little), grazie, ora taci please.
E tra scaffali ben in ordine e dopo aver preso quanto dovevo per la pargolanza, (gonfiabili più o meno impegnativi, animali rari e pericolosi paralizzati in pose plastiche, albi da colorare, albi da strapazzare, e una nuova fiammante vanga in legno e plastica) trovo questo libretto della collana Urania e, avendo finito la scorta mensile di carta stampata e avendo lasciato l'ebook reader a casa (nessun congegno elettronico deve seguirmi in vacanza) me lo accattai molto volentieri.


"Lois McMascter Bujold" che continuo a leggere e pronunciare "Luis" è l'autrice di questo libro, per avere informazioni su di lei il rimando è alla rete.

Il piccolo Tony che gorgheggia la canzone di cui ho copiaincollato il testo (che per chi non lo sapesse era la sigla italiana di questo terribile serial) ha qualcosa in comune con il protagonista della vicenda qui narrata, ossia la statura.
Ma, in effetti, Little Tony è davvero piccolo? E quanto? Era forse questo il motivo del suo ciuffo spropositato, ossia dare l'impressione di essere più alto? 

Miles Vorkosigan è un personaggio particolare: nato con una serie di malformazioni fisiche, causate dall' esposione a un gas velenoso a cui fu esposta la madre quando era incinta, riesce comunque a farsi strada nella vita divenendo di volta in volta; mercenario, spia, ammiraglio, "detective imperiale", utilizzando il suo ingegno e la sua ironia senza, peraltro, utilizzare scarpe con rialzo o pettinature architettoniche.
Piccolo di statura e con una voglia di farefarefare inesauribile, non esita a mettersi continuamente nei guai pur di portare a compimento una missione.

Ok, son stato piuttosto sbrigativo lo ammetto, il punto è che questo libro è uno di una serie, ossia l'ultimo (per il momento) capitolo di una saga che consta diversi volumi ma che possono essere letti in maniera indipendente.
Spinto proprio dall'indipenza di cui sopra che non prevedeva la necessaria conoscenza di tutto quella che è accaduto -ma che ammetto a questo punto una certa curiosità me l'ha messa, anche perchè degli accenni seppur brevi alle precedenti avvenure vengono fatti- l'ho comprato e letto in un battibaleno.

Avventuroso, familiare, veloce, a suo modo brillante.
Una lettura che cattura, che da piacere anche se, lo ammetto, si è perfettamente adattata alla situazione vacanziera; insomma è un libro da ombrellone, non di quelli leggeri e scialbi, ma di quelli leggeri che comunque qualcosa lasciano.

La storia: sul pianeta New Hope II la tecnologia dell' ibernazione sta facendo passi da gigante: chi lo desidera -e chi no viene invitato a farlo- alla sua morte, o anche prima, può essere congelato con la promessa di essere desurgelato a tempo debito e stabilito.
L'affare, sul pianeta, è piuttosto interessante. Sono numerose le corporazioni "algidanti" che stanno dietro questa nuova forma di inumazione. Gli interessi, ovviamente sono molteplici, tra cui le deleghe al voto della cittadinanza che queste vengono a detenere.
La possibilità, inoltre, di espandere il commercio dell'antroposurgelamento per il resto della galassia suggerisce al nostro eroe una scenario che ha ben poco a che fare con la semplice ibernazione.
Si configura infatti un processo subdolo e silenzioso, un quantomai originale metodo di espansione e conquista all'interno del territorio dell'impero che il buon Miles rappresenta.


All'incirca questa è la trama portante, trama che vede coinvolti anche numerosi altri personaggi e sottotrame strettamente collegate a questa.

Ripeto, una lettura piacevolissima, leggera, e veloce e che, se siete ancora in vacanza e amate la fantasciosità del genere non mi farei sfuggire.

"Mare profumo di mare..."
-Papàààààààààààààààààààààààààààààààààà-
"Con l'amore io voglio giocare..."
-Facciamo un castello...? Col fiume, il porto e una diga grande così?-
"E' colpa del mare del cielo e del mare..."
-Spè che leggo l'ultima pagina...-
"E giuro che per noi, non finirà..."
-Papà eddai che dobbiamo iniziare la nostra sessione di otto ore in acqua con il tuffo sbazzete e prendere i pesci e poi...-

-Spè le ultime dieci righe...-
"Mare profumo di mare..."



La criocamera di Vorkosigan 
Lois McMaster Bujold
Urania Mondadori