Google+ TBMT: 11/23/12

venerdì 23 novembre 2012

Maternale - 10 Interviste con la madre - AAVV ****

"In fondo è l'intervista per eccellenza. Quella che è all'origine delle nostre vite, nientedimeno. Quella che ha segnato pagine e pagine di libri (e ricette mediche). Per chi è cresciuto non dimenticando Maria quanto Medea, Pirandello quanto Almodóvar, la cosa è seria quanto dovuta."  


E' con particolare ORGOGLIO che stamani voglio scrivere per questo volumetto.
Anche perchè qui dentro ci son finito pure io in un racconto non di genere in cui si parla, come in tutti quelli qui raccolti, della persona che più di altre nella vita ci forma e ci segna: la mamma.

Dicevo che per la prima volta son riuscito a scrivere qualcosa che non appartiene al genere che prediligo -fantastico o fantascienza- e che per un volta son riuscito a non odiare anche se ne avrei avuto ben donde visto che parlo apertamente di cavoli miei.

Cavoli miei; ma che esagerazione. Come in ogni buona storia che si rispetti si mescolano bugie a verità per creare al meglio una storia che sia se non bella, per lo meno credibile.

E' un libricino agile quello che mi son ritrovato a leggere, 44 pagine appena, che aprono gli scenari del cuore di chiunque di noi.
Dieci madri, per dieci figli intervistatori. Dieci spaccati di vita vera e vissuta, dieci realtà che corrono parallele e che magari si sono anche incontrate. Dieci aspetti per altrettanti punti di vista più uno: il nostro di lettori, che non possiamo fare che altro rifletterci e ritrovarci in alcuni di questi ritratti che sanno di sugo al basilico, cinismo, depressione, allegria, fumo, vino, impegno e vita.
E su tutto, anche dove si dice ostinatamente che non ce n'è, regna incommensurabile l'amore.
Amore di noi figli verso queste madri che non riconosciamo più o abbiamo imparato a conoscere fin troppo bene e, per ribaltamento, l'amore di madri che invece continuano a riconoscerci come "belli de mamma" nonostante la nostra età sia sempre più vicina agli 'anta'.
Un libro dal sapore agrodolce, come le arance e la vita, che non può lasciarvi indifferenti perchè dentro ci siete pure voi!
  Due parole sull'editore:
La Leconte si definisce una casa editrice 
aperta alla promiscuità linguistica, al ruolo ideologico della letteratura, alla trasversalità della parola; fedele a una visione autenticamente crossover della scrittura e dunque lontana da accademie e supponenze.

Ho avuto occasione di parlare con il boss della casa editrice e devo dire che la loro promessa di promiscuità, di lontananaza da certi modi di intendere le lettere le arti e la cultura che non fa altro che allontanare e non appassionare, è vera e soprattutto mantenuta.
Basta dare un'occhiata al loro catalogo per capire che si tratta di una microrealtà lontana da certi modi di fare editoria,in grado di far appassionare e far conoscere cose nuove.
Senza contare la qualità dei loro volumi ove, a un prezzo contenuto e spesso inferiore o in linea con altri editori, si trovano una cura e una qualità maggiore.
Inoltre, periodicamente, danno alle stampe una rivista, Storie, rivista di belle lettere e piacevoli sorprese. Infine e nuovamente inoltre: LeMag, rivista on line con approfondimenti, racconti e l'esilarante serial (non vi ringrazierò mai abbastanza per questo) Open Space, pranzi d'ufficio.


Maternale
Dieci Interviste con la Madre AAvv

Leconte