Google+ TBMT: 02/05/13

martedì 5 febbraio 2013

Tempo assassino -Justin Richards ****

 Quarta avventura dei ragazzi di Cannon Strett e del loro capo quel Detective Invisibile che tutto sa e tutto svela.

Avrei voluto dare a questo volume un asterisco in meno, a mio avviso si tratta di un capitolo di passaggio di quelli un pochino ridondanti,almeno all'inizio, ma alcuni dettagli, alcune minuzie, mi hanno fatto ricredere.

E poi, diciamoci la verità, oramai le i quattro asterischi sono ben radicati e non credo possa esserci una caduta tale negli ultimi capitoli, da farmi sterzare verso una bassa valutazione

In Tempo Assassino le ambientazioni che vedono l'Arthur del presente, cambiano. Il nostro infatti si reca per una breve vacanza con suo padre e l'amica Sarah in una paesino di mare.
Qui fanno conoscenza con un pittore di marine che ha paura di salire in barca, e hanno l'occasione di conoscere una storia di pirati naufragati sugli scogli antistanti la cittadina.

Nel 1936, con l'inverno alle porte, a Brandon Lake, viene chiesto di scoprire quale sia la causa di uno strano decesso avvenuto per cause misteriose.
La causa della morte, apparentemente e secondo i referti medici, sembra essere stata la vecchiaia.
Una non-causa di cui, il parente della vittima, si dice non convinto: secondo lui infatti la colpa è da attribuirsi a un orologio che la vittima ricevetta in passato e che lo ha fatto ammalare e invecchiare di colpo!
Ovviamente ai Cannonieri la cosa appare abbastanza bizzarra da meritare un'attenzione più adeguata e così iniziano a ficcanasare sull'orologiaio che assembla questi cronometri e sui suoi strani clienti i quali, appaiono tutti più giovani di quanto in realtà dovrebbe essere
.
Tra un mistero passato e una rivelazione del presente, la rossa Meg scompare. Che fine ha fatto? E' forse scappata di casa a seguito dell'ennesimo litigio con il padre? E come mai in casa di Roderick Bartlett c'è il ritratto di una donna che somiglia in maniera straordinaria a Meg?

Forse meno concitato delle storie precedenti, ma comunque sempre in grado di metterci la curiosità di come andranno a finire le cose e di vedere come i cannonieri ne usciranno.

E poi iniziano a fare capolino i viaggi nel tempo!

Tempo assassino
Justin Richards

Edizioni Il punto d'Incontro