Google+ TBMT: 05/06/13

lunedì 6 maggio 2013

Quando non hai voglia di fare niente.


E potresti fare milioni di cose finisce che, appunto, non fai niente.
E' proprio una di quelle giornate.
Anzi meglio, è un periodo un po' così: inizio libri che -brutti o meno- mollo dopo circa venti pagine, mi inebetisco davanti la tv, gioco con i videogiochi del cellulare -cosa che non facevo più da anni, intendo videogiocare in genere- mi ingozzo di qualsivoglia oggetto commestibile nei paraggi e mi annoio dicendo che non voglio annoiarmi.
Ma non è noia quella che mi attanaglia, è un malessere senza nome, grigio e brutto che non riesco a scollarmi di dosso.
Così, pensa e ripensa, mi dico che per scacciare questa non pigrizia -perché non è nemmeno di questo che si tratta- potrei lasciarmi trascinare da una serie di incresciose compulsioni da tastiera.
  • Passare la giornata a chattare su facebook.
  • Premere convulsamente F5 per aggiornare la pagina delle statische del blog
  • Chiamare mia madre che certamente si lamenterà del fatto che non vede abbastanza i suoi nipoti
  • Impostare nostalgiche playlist su youtube
  • Cercare informazioni inutili che snocciolerò a caso in qualsiasi frangente e che mi faranno passare per uno che la sa lunga.
  • Acquistare ciarpame on line, cartaceo o meno.
  • Acquistare ulteriore ciarpame on line tra cui un favoloso portacorrispondeza a forma di serpente e togliere quello a forma di busta dal mobile all'ingresso.
  • Fare la spesa di cancelleria per l'ufficio
  • Iscrivermi a siti porno e suggerire i numeri di telefono di miei amici
  • Continuare a sentirmi in colpa per: il buco nell'ozono, l'estinzione della balene, la deforestazione, e il non aver letto Cuore.
Dunque, lanciato questo post, tornerò immantinente a bruciare inutilmente i miei neuroni.


PS: Si accettano suggerimenti su come sprecare il proprio tempo in maniera inutile e decustrittiva.